PER GLI OPERATI con Uretero-Cutaneo-Stomia

La gestione della stomia e del relativo cambio del sacchetto, una volta a casa e soprattutto riprese le forze, nonostante la portata dell’intervento chirurgico, risulta essere abbastanza semplice, basta prenderci un po’ la mano. Pensate sempre in maniera positiva e non fasciatevi la testa prima del tempo: tutto si risolve, a tutto ci si abitua. Gli infermieri vi insegneranno già in ospedale come gestire i vostri cambi quotidiani e vi daranno dei presidi per affrontare i primi giorni a casa. Esistono due tipi di sacchetto: il “monopezzo”, che si attacca direttamente alla cute, e il “due pezzi”, con placca separata dal sacchetto. In entrambi i casi è consigliato un cambio quotidiano. Nel caso del due pezzi la placca può essere mantenuta per 2 o 3 giorni al massimo, mentre il sacchetto va cambiato tutti i giorni. Consigliamo di contattare le aziende che forniscono prodotti per stomia (trovate facilmente i contatti sui relativi siti internet, ad es. www.coloplast.it nr. 800064064, oppure www.convatec.it), per farvi mandare dei campioni gratuiti, in base all’operazione che avete sostenuto. Questi Produttori forniscono gratuitamente diversi campioni spedendoli direttamente a casa e dandovi la possibilità, con il passare dei giorni, di trovare il prodotto più adatto a voi. Sui loro Siti Internet trovate anche degli utilissimi video che spiegano tutti i passaggi per il cambio del presidio in base a quello da voi adottato. Queste aziende forniscono senza problemi anche le forbicine per tagliare il foro per lo stoma, in base alla misura: basta chiamare il numero verde. A questo proposito vi consigliamo, all’atto delle dimissioni, di chiedere agli infermieri che vi hanno medicato di precisarvi la circonferenza del vostro stoma, per poter ritagliare correttamente a casa. Fatevi lasciare dal vostro reparto indicazioni in merito alla possibilità di accedere a un ambulatorio dove sia presente uno stomaterapista, in caso di necessità. In ogni caso il reparto dovrebbe fornirvi assistenza per i primi 40 giorni dopo l’intervento senza che abbiate necessità di rivolgervi ad altri; spesso basta una telefonata che illustri l’eventuale problema e potete concordare tempi e modi per essere visitati. E’ inoltre opportuno richiedere un colloquio con il chirurgo che vi ha operato per avere notizie sul recupero della vostra attività sessuale: è infatti importante sapere se ci sono stati problemi durante l’intervento per conoscere le eventuali conseguenze a cui andrete incontro nella nuova vita. Avere uno stomaterapista di riferimento è un’ottima cosa anche per il vostro futuro.

Ricordatevi che avete dei diritti, sia sotto il profilo assistenziale che lavorativo. Sul nostro Sito potete consultare una sezione appositamente dedicata a questo tema; per esempio, i prodotti per il vostro cambio quotidiano sono forniti gratuitamente: basta portare alla vostra ASL l’elenco che vi verrà fornito dall’ospedale, al momento delle dimissioni e poi consegnarlo alla vostra farmacia di fiducia dove ritirerete ogni mese tutto ciò che vi occorre. Tramite un patronato potete inoltre fare richiesta del riconoscimento del vostro stato di invalidità.  Se riconosciuta, potete ottenere, l’invalidità del 100%, con la possibilità, in diverse Regioni,  di viaggiare gratuitamente sui mezzi di trasporto. Per  la Regione Lombardia è possiibile farlo con la tessera “Io Viaggio Agevolata”.

Nella sezione FAQ del nostro sito www.associazionepalinuro.com potrete inoltre trovare diverse risposte che vi potranno essere utili. Nel caso in cui non trovaste la risposta al vostro problema, potrete porci le vostre domande sempre tramite questa sezione del sito e saremo lieti di darvi le risposte più appropriate direttamente via mail, anche con il supporto dei medici che ci sostengono.

 

Per qualsiasi dubbio o necessità potete contattare direttamente Antonio Consalvo - Volontario PaLiNUro cell. 338 8417123 oppure scrivere all’associazione all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(a cura di Antonio Consalvo e Laura Magenta)