• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fatigue

La fatigue (termine inglese che significa asteniastanchezza) è tra i sintomi più frequenti ed invalidanti riferiti dai pazienti affetti da cancro in ogni fase della malattia.  Si può presentare alla diagnosi (40% dei pazienti), durante i trattamenti oncologici (80-90% dei pazienti) e proseguire anche nella fase post-trattamento (17%-53% dei pazienti) o libera da malattia.

Piu’ del 70% dei pazienti anziani con cancro riferisce di soffrire di fatigue.

E’ riferita come un soggettivo e persistente senso di stanchezza fisica, emozionale, cognitiva (mancanza di energia) che non è proporzionale alla attività recente ed interferisce con la quotidiane attività di vita, anche con quelle più semplici.

Rispetto alla stanchezza riferita da soggetti sani, la fatica cancro correlata non è alleviata dal riposo o dal sonno.

Sono tante le cause della fatigue: tra queste vi sono problematiche fisiche come l’anemia e le alterazioni della tiroide, tuttavia la depressione può avere un contributo significativo. Per questo lo screening e la diagnosi differenziale sono importanti prima di pensare al trattamento.

Sono stati condotti molti studi sul trattamento farmacologico e non farmacologico della fatigue, ma nessuno ha dato risultati eclatanti.

Al fine di rendere pazienti e loro familiari/caregiver consapevoli del disagio che stanno affrontando, invitiamo a leggere il libretto "LA FATIGUE: CHE COS'E' E COME SI AFFRONTA", messo a punto da AIMAC - Associazione Italiana Malati di Cancro. Il libretto fornisce alcune spiegazioni e suggerisce alcune possibili soluzioni per il controllo della fatigue.

A marzo 2020 sono state pubblicate da ESMO - European Society for Medical Oncology - le LINEE GUIDA  ("Cancer-related fatigue: ESMO Clinical Practice Guidelines for diagnosis and treatment") che mettono in evidenza alcuni aspetti particolari:

- il paziente deve SEMPRE segnalare al medico curante la presenza della fatigue, la sua intensità e la interferenza nelle attività di vita quotidiana

- il medico deve valutare regolarmente attraverso uno screening e diagnosticare (quando possibile) le cause della fatigue e considerare se vi sono trattamenti oncologici in corso

- se non vi sono cause organiche sottostanti alla fatigue va considerato l’aspetto emotivo come la paura, la solitudine, l’incertezza per il futuro che sono disagi che portano alla depressione e questa alimenta la fatigue

- tra i trattamenti va sempre consigliato l’esercizio fisico che permette di mantenere il tono muscolare e la massa magra. Si incoraggia 150min/settimana di esercizi aerobici o 3-5 ore settimanali di moderata attività

- tra i farmaci studiati (psicostimolanti, antidepressivi, corticosteroidi) solo brevi cicli di trattamento con il cortisone sono indicati sotto controllo medico

- tra i trattamenti Nutraceutici (Carnitina, Coenzima Q10, Ginseng dell’Wisconsin) ci sono solo deboli evidenze scientifiche a favore del ginseng

- indicati sono gli interventi psicologici e psico-educazionali come la terapia cognitivo-comportamentale, la meditazione che migliorano l’umore, il sonno, riducono lo stress e l’ansia e la paura di recidive

- la fatigue rimane un sintomo da studiare in modo approfondito e questo è possibile solo se il paziente riferisce regolarmente la presenza del sintomo al medico curante

 

Carla Ida Ripamonti M.D.
Specialista in Oncologia medica e farmacologia clinica
Responsabile SSD Oncologia-Cure di Supporto al paziente
Dipartimento di Oncologia Medica & Ematologia - Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori

Via Venezian, 1
20133 Milano, Italy
tel. + 39 02 2390-3644-3383
fax. +39 02 23904847

Email. carla.ripamonti@istitutotumori.mi.it

Menu Utilità

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Associati

Donazioni

Fai una donazione a Palinuro, aiutaci a crescere.

Associazione PaLiNUro

c/o Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori
Via G. Venezian 1 -  20133 Milano

Codice fiscale - 97684280155

IBAN: IT76S0569601620000015013X96 

Edoardo Fiorini - Presidente

efiorini@associazionepalinuro.com - cell. 380.7990320

Laura Magenta - Assistente alla Presidenza

lmagenta@associazionepalinuro.com - cell. 347 9636838

Segreteria

info@associazionepalinuro.com

palinuro@pec.associazionepalinuro.com

Attenzione!!!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. 
Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, PaLiNUro declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.

© 2020 Associazione Palinuro - Iscritta al n° 554 del Registro Provinciale delle Associazioni di Promozione Sociale | PEC: palinuro@pec.associazionepalinuro.com | Credits

Menu